La vita davanti a se – Romain Gary

We stay because we don’t know where else to go

Presente quando siete sulla spiaggia, sopra l’asciugamano, con le gambe distese, una sopra l’altra. Le braccia le avete appoggiate indietro per tenere su la schiena perchè altrimenti vi cade la testa per guardarvi le punte dei piedi.
Guardate le punte dei piedi appunto. Poi guardate il mare, perchè al mare c’è il mare. Poi vi riguardate le punte dei piedi e notate che c’è qualcosa di diverso, allora riguardate il mare e subito rispostate gli occhi sulle punte dei piedi perchè il mare è troppo da guardare seduti su un asciugamano, con una gambasopra l’altra e le braccia che tengono su la schiena.

Allora vi alzate e vi avvicinate guardando per terra per non pestare delle conchiglie ma in realtà è perchè il mare è troppo grande.
E mentre vi avvicinate guardate per terra che appena arriva l’acqua sui piedi fa freddo e poi sale e fa freddo e poi sale ancora e fa più freddo e vi buttate che è meglio ma è ancora più fredda e la maledite m come finite di maledirla è calda e si sta bene.

E galleggiare a pelo dell’acqua si sta bene, con i capelli che svolazzano nell’acqua (chi ce li ha) e i peli delle gambe lo stesso (chi ce li ha) e la testa va sotto e gli occhi si chiudono e la testa torna fuori e gli occhi si aprono e il sole acceca e il sale brucia e tutto non sembra poi così grande.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...